Soccer team in a huddle

Employee engagement, dalla teoria alla pratica

10, Novembre, 2016 di Mauro Grassi

La disponibilità di risorse IT a basso costo legata al cloud ha riportato in primo piano il valore delle idee: se un’impresa ha la giusta idea di business, si sente spesso dire, prevale anche se non è una grande azienda storicamente forte nel suo settore di mercato. In realtà la differenza la fanno le persone: sono loro che hanno le idee e portano le competenze che servono a un’azienda per crescere. E le prime persone che un’azienda deve vedere come risorse preziose sono i dipendenti che già ha, a patto che siano motivati e si esprimano al meglio.

È il tema dell’employee engagement: “coinvolgere” i dipendenti significa fare in modo che si sentano motivati a dare il loro contributo, anche andando oltre i tradizionali compiti della quotidianità. Non è solo un tema etico-filosofico, anzi ha una forte componente di pragmatismo: diversi studi indipendenti mostrano che esiste una correlazione marcata tra un alto livello di employee engagement e i risultati operativi delle aziende che riescono a generarlo.

grassi_2

Ma come creare un ambiente favorevole all’employee engagement? Conta ovviamente il tipo di lavoro che si svolge ma contano anche l’approccio dell’azienda alla gestione del personale, il livello di diversità e innovazione dell’ambiente di lavoro, la possibilità per le persone di imparare e crescere in un percorso di training continuo e personalizzato. E soprattutto una cultura di responsabilità personale che coinvolga tutti: anche il management e l’azienda nel suo complesso devono mostrare affidabilità e integrità, declinare gli obiettivi strategici in modo chiaro e renderli coerenti e misurabili con quelli personali di ogni singolo collaboratore. A tutti i livelli gerarchici.

La tecnologia ovviamente può aiutare, a patto che abbia fatto proprie queste considerazioni e veda il percorso del dipendente non come una carriera ma come un’esperienza. È questo il punto di vista adatto alla fase che stiamo vivendo, in cui la forza lavoro è diversificata, delocalizzata e destrutturata. Servono quindi soluzioni che “seguano” il dipendente in maniera completa dal recruiting in poi, massimizzando le sue possibilità di crescita.

 

Mauro Grassi
Senior General Business Sales Executive

bottone5

Tags: ,