Soccer team in a huddle

Procurement: cosa fa la differenza negli ufficio acquisti

21, Febbraio, 2017 di Margherita Monni

Ufficio acquisti, Procurement

Il procurement è considerato ancora come un agente esterno alle logiche aziendali eppure le analisi più recenti mostrano come una sua integrazione sia sempre più necessaria a far evolvere il business.

Abbiamo parlato in passato della necessità che il procurement diventi un concreto alleato delle principali divisioni aziendali. Non si tratta tanto della volontà di “fare squadra” ma di ottenere reali vantaggi competitivi sul medio e lungo periodo. Nonostante le buone intenzioni però, l’ufficio acquisti viene ancora considerato come un servizio esterno, al pari di un qualsiasi fornitore, piuttosto che un partner con cui migliorare i processi di business. Un recente studio di AT-Kearney, raccolto nel documento “2016 Return on Supply Management Assets (ROSMA)”, mostra un dato chiarificatore: solo il 15-20% degli uffici di procurement affermano di lavorare in simbiosi con i colleghi di altri reparti, creando valore per la propria compagnia.

Per quale motivo? Spesso, chi si occupa dell’approvvigionamento non gode di una considerazione pari a quella degli altri settori, perché ritenuto estraneo alle strategie globali dell’azienda. Per questo, molti uffici acquisti sono ancora alla ricerca della strada migliore per farsi accettare dai colleghi, nelle vesti di un supporto funzionale, in grado di ottimizzare le risorse, cogliendo nuove opportunità.

L’analisi di AT-Kearney è utile per capire quale dovrebbe essere l’identikit di un team di procurement efficace. L’ufficio acquisti che riporta le migliori performance è quello riconosciuto come valido e responsabile dagli stakeholder; capace di fornire metriche di rendimento ben definite; collaborativo con i responsabili finance; comprensibile dagli executive e abile a contribuire fattivamente ai risultati economici del gruppo. Non a caso, un procurement che svolge un ruolo attivo all’interno dell’impresa può portare guadagni potenziali ben sette volte maggiori dei costi necessari al suo mantenimento.

Ufficio acquisti, Procurement

È chiaro come le prestazioni vadano ben oltre il risparmio quando si riesce a unire le iniziative tattiche con quelle strategiche. Qualche esempio? Quando pienamente introdotto nelle logiche produttive, l’ufficio acquisti può aiutare a sviluppare un pensiero critico più duttile all’interno della routine lavorativa quotidiana. In questo modo, la catena di fornitura dell’intera organizzazione potrà navigare con competenza tra difficoltà e improvvisi cali (problemi finanziari, carenza di personale, volatilità economica), distinguendo abilmente tra fornitori di successo e meno convenienti.

Nel ROSMA 2016 è possibile analizzare le parole chiave che caratterizzano i procurement leader individuati da AT-Kearney. Flessibile, efficace, collaborativo, guidato ai risultati, duttile e sicuro, sono i termini principali associati ad un approvvigionamento apprezzato dai dipendenti. L’esatto opposto? Un reparto acquisti lento, poco reattivo, complesso, non coinvolto, confusionario e discutibile. Basterebbe una rapida survey interna per capire che immagine di sé restituisce l’ufficio acquisti di ogni azienda.

Alla Next Level Purchasing Association Conference dello scorso dicembre, si è discusso largamente sulle tecniche più utili a inserire il procurement nei processi decisionali. Il punto cardine è nella necessità di far evolvere il comportamento dell’uno (il procurement stesso) e dell’altro (il resto della compagnia) verso una linea operativa comune. Del resto, entrambi hanno lo stesso fine: portare il loro brand al successo. Il muro principale da abbattere è quello su cui c’è scritto che il lavoro del responsabile acquisti è esclusivamente quello di risparmiare sui costi. Sarebbe poco corretto negarlo del tutto ma è evidente che le skill in possesso dei professionisti sono tali da permettere un radicale cambiamento di prospettiva, non semplice da completare ma quanto mai essenziale nella frenesia del business moderno.

 

Margherita Monni
Presales Specialist

Ufficio acquisti, Procurement

Tags: , ,