SAP favorisce la collaborazione interaziendale attraverso il supporto degli standard di settore

15, Luglio, 2003 di SAP News

Nuovi contenuti gestionali per SAP NetWeaver offrono supporto immediato degli standard per l’interscambio dei dati quali RosettaNet e CIDX

MilanoSAP AG (NYSE: SAP) ha annunciato il potenziamento della piattaforma applicativa e di integrazione SAP NetWeaver, per consentire alle realtà operanti in vari settori produttivi di accelerare l’esecuzione dei processi gestionali interaziendali e di abbattere il TCO (Total Cost of Ownership). SAP ha infatti esteso le capacità di integrazione di SAP NetWeaver tramite pacchetti add-on comprendenti contenuti gestionali verticali preconfigurati e il supporto immediato degli standard XML per l’interscambio dei dati tra settori differenti. A partire dalle offerte per i comparti chimico e high-tech, che forniscono supporto nativo di RosettaNet e Chem eStandards e conversioni preconfigurate per gli standard EDI più diffusi, i contenuti gestionali prepacchettizzati per SAP NetWeaver eviteranno alle aziende di dover intraprendere lunghi e onerosi progetti di integrazione ponendo i loro sistemi IT nella condizione di scambiare senza difficoltà dati e informazioni nella “lingua franca” dei rispettivi settori.

Vista la tendenza da parte delle aziende ad estendere i processi gestionali nell’intento di collaborare sempre meglio con clienti, partner e fornitori, l’interscambio di informazioni tra aziende e applicazioni diventa di giorno in giorno più complesso spingendo le organizzazioni di numerosi settori a definire standard specifici per la comunicazione elettronica. SAP svolge da sempre un ruolo attivo nello sviluppo degli standard di interoperabilità tra le applicazioni gestionali, e oggi è pronta a fare leva sulle capacità di integrazione di SAP NetWeaver per rispondere ancor più efficacemente alle esigenze gestionali di numerosi settori verticali. SAP NetWeaver fornirà quindi il supporto nativo degli standard tecnici e commerciali utilizzati in vari settori consentendo ai clienti di beneficiare della rapida adozione dei nuovi standard attraverso un’unica piattaforma.

“Le nuove funzioni verticali di SAP NetWeaver sono il risultato dell’esperienza maturata da SAP nei diversi mercati e degli anni di collaborazione con aziende e organizzazioni per la definizione degli standard, per rispondere alle sfide gestionali presenti e future”, ha sottolineato Nils Herzberg, Senior Vice President, Manufacturing & Distribution di SAP. “Aiutare le aziende a creare reti commerciali strettamente integrate con un TCO contenuto è parte integrante dell’impegno di SAP nelle soluzioni verticali. Poiché i nuovi contenuti gestionali per SAP NetWeaver sono forniti sotto forma di supporto nativo degli standard verticali, SAP consente alle aziende di ridurre i tempi di implementazione e del ritorno sui loro investimenti IT”.

I contenuti gestionali verticali estendono le capacità di SAP XI (SAP Exchange Infrastructure), una componente software di SAP NetWeaver. SAP XI mette a disposizione una piattaforma tecnologica aperta per l’integrazione dei processi gestionali che supporta la collaborazione process-centric tra sistemi e applicazioni di SAP e altri produttori, all’interno come all’esterno delle aziende. SAP XI definisce le interfacce e le conversioni XML necessarie per supportare scenari gestionali specifici permettendo l’interscambio e la trasformazione dei contenuti dei messaggi tra i sistemi di origine e quelli di destinazione e favorendo l’implementazione di efficienti processi collaborativi tra i sistemi stessi. SAP XI offre la capacità di distribuire scenari e coordinare processi gestionali conformi agli standard di settore. Fondamento tecnologico per tutte le soluzioni SAP, SAP NetWeaver unifica e allinea gli utenti, le informazioni e i processi all’interno e all’esterno dei confini tecnologici e organizzativi. Concepito per essere totalmente aperto, SAP NetWeaver integra senza difficoltà informazioni e applicazioni provenienti da qualunque fonte ed è interoperabile con Microsoft .NET, Sun J2EE e IBM WebSphere.

RosettaNet

Lo standard RosettaNet aiuta le realtà del settore high-tech, come ad esempio il produttore di semiconduttori STMicroelectronics, a operare più efficientemente grazie alla superiore visibilità e al libero scambio di informazioni in tutta la supply chain. Basato sulle specifiche XML, lo standard per i processi e-business RosettaNet automatizza attività quali la previsione collaborativa della domanda, la gestione ordini, la spedizione/ricezione e la fatturazione/pagamento. Il supporto dello standard RosettaNet all’interno di SAP NetWeaver comprenderà un adapter RNIF (RosettaNet Implementation Framework) 2.0, le conversioni da SAP R/3 e altre applicazioni SAP per i RosettaNet PIP (Partner Interface Process), il coordinamento dei messaggi RosettaNet sotto forma di scenari gestionali preconfigurati, la capacità di preservare le informazioni relative ai trading partner e capacità avanzate di gestione degli errori e dei processi gestionali.

“L’implementazione dello standard RosettaNet ci ha permesso di automatizzare e ottimizzare i nostri processi e-business offrendo l’accesso real-time alle informazioni e una collaborazione più efficiente a tutte le realtà che operano all’interno della nostra supply chain globale”, ha osservato Jean-Claude Monney, Vice President of IT Strategies and e-Business di STMicroelectronics e rappresentante della società presso RosettaNet Electronics Components Board of Directors.

“In qualità di membro fondatore dei RosettaNet IT (Information Technology) e SP (Solution Provider) Board, SAP supporta attivamente lo sviluppo delle risorse e del know-how relativo allo standard RosettaNet”, ha ricordato Jennifer Hamilton, CEO di RosettaNet. “Siamo lieti del costante impegno di SAP a sostegno di RosettaNet e del continuo rilascio sul mercato di soluzioni atte a migliorare i processi gestionali per ottimizzare le efficienze in tutta la rete commerciale globale”.

CIDX

Lo standard Chem eStandards è stato definito dall’associazione CIDX (Chemical Industry Data Exchange) nell’intento di favorire l’implementazione di processi collaborativi in aree quali la logistica, la gestione ordini e la fatturazione. Le prime dieci aziende chimiche del mondo, quali The Dow Chemical Company e DuPont, prevedono di implementare le soluzioni SAP per integrare il supporto dello standard Chem eStandards.

“Le innovazioni tecnologiche introdotte da SAP nella sua piattaforma applicativa e di integrazione stabiliscono il punto di riferimento per l’intero settore”, ha sottolineato Bob Ridout, Vice President of IT e CIO di DuPont Company. “Questo, unitamente al forte impegno nella sicurezza informatica, motivano la mia scelta di supportare le decisioni di SAP”.

“Il supporto dello standard Chem eStandards è fondamentale nel nostro settore, dove il termine ‘Enterprise’ della sigla ERP significa sempre più ‘total supply chain'”, ha osservato Dave Kepler, Corporate Vice President e CIO di The Dow Chemical Company. “Il supporto SAP dello standard Chem eStandards risponde alla nostra esigenza di superiori livelli di collaborazione attraverso l’interscambio di informazioni, permettendo di collegarci più efficacemente con i clienti, fornitori e partner che operano nella nostra supply chain estesa. La vision tecnologica di SAP ci mette a disposizione i blocchi indispensabili per poter implementare la nostra strategia gestionale”.

Per semplificare, velocizzare e ridurre i costi delle transazioni elettroniche gestionali, il CIDX ha avviato lo sviluppo di guideline per i processi gestionali destinate all’impiego in associazione con gli standard per i messaggi transazionali. SAP parteciperà ai team di progetto del CIDX definendo le linee guida per i processi order-to-cash e CRP (Collaborative Replenishment Planning) e supportando in collaborazione con l’industria cartaria un’iniziativa intersettoriale volta a sviluppare guideline e messaggi transazionali specifici per i processi di gestione logistica tra i produttori chimici e quelli cartari. SAP è anche uno dei membri fondatori della Cybersecurity Practices, Standards and Technology Initiative varata recentemente dal CIDX.

“SAP continua a essere un membro attivo e uno dei principali protagonisti della Chem eStandards Initiative”, ha sottolineato Patricia Simmons, Executive Director del CIDX. “Le conversioni pronte all’uso e il supporto dello standard Chem eStandards sono una risposta diretta ad esigenze critiche di questo settore”.

Il rilascio dei pacchetti destinati a SAP NetWeaver per i settori chimico e high-tech, compatibili con gli standard RosettaNet e Chem eStandards, è previsto per la fine del 2003.

Contenuti per il supporto EDI

Il supporto SAP ai settori verticali verrà accentuato dal rilascio di adapter package per la SAP Exchange Infrastructure. Settori quali l’industria automobilistica, high-tech, l’aerospaziale e la difesa, dove vige una forte tradizione EDI (Electronic Data Interchange), beneficeranno più di ogni altro del supporto EDI diretto e dei contenuti specifici forniti da SAP. Nell’ambito dei nuovi adapter package, le conversioni preconfigurate per gli standard EDI più comuni, quali ANSI, EDIFact e Odette, ridurranno notevolmente i costi delle implementazioni EDI e ne accelereranno il deployment.

L’impegno negli standard per lo scambio dei dati tra settori differenti

In aggiunta a RosettaNet e Chem eStandards, SAP supporta gli standard per lo scambio dati UCCnet (prodotti consumer e retail), papiNet (industria della carta), HL7 (sanità) e PIDX (industria petrolifera) ed è impegnata a promuovere la compatibilità tra applicazioni e processi gestionali nell’ambito di iniziative a sostegno di standard verticali e intersettoriali quali ACORD (assicurazioni), AIAG (industria automobilistica), CWM (business intelligence), GCI (prodotti consumer e retail), HR-XML (risorse umane), OPC (settori di processo), SPEC2000 (aerospazio e difesa), S.W.I.F.T. (settore bancario), TWIST (finanza), VICS (Supply Chain Management) e XBRL (contabilità).

SAP è anche uno dei principali sostenitori delle iniziative ebXML Core Components e UBL (Universal Business Language), ritenendo che la diffusione di queste specifiche accrescerebbe notevolmente l’interoperabilità dei sistemi IT e delle applicazioni software, specialmente a livello intersettoriale. L’adozione di queste specifiche da parte dell’UN/CEFACT (United Nations Centre for Trade Facilitation and Electronic Business) spiana la strada alla definizione di standard e-business XML di nuova generazione.

Nota
Lo standard XML (eXtensible Markup Language), progettato specificamente per i documenti Web, è stato sviluppato dal W3C (World Wide Web Consortium) per consentire la trasmissione e l’interpretazione corretta dei dati tra aziende e applicazioni.

* * * * * * * *

SAP è leader mondiale nelle soluzioni software per il business.

Le soluzioni SAP sono progettate per rispondere alle più specifiche esigenze di aziende di qualsiasi dimensione, dal mercato delle Piccole e Medie Imprese a quello Enterprise. Grazie a mySAP Business Suite, basata sulla piattaforma applicativa e di integrazione SAP NetWeaver, gli utenti aziendali di ogni parte del mondo possono migliorare i loro rapporti con clienti e partner, razionalizzare le operazioni e raggiungere l’efficienza nell’intero ambito delle supply chain. Numerose organizzazioni operanti nei più diversi mercati, dall’aerospaziale alle Utilities, possono supportare il proprio core business grazie a 25 soluzioni verticali pre-configurate di SAP. Oltre 24.450 aziende in più di 120 Paesi hanno portato a oltre 84.000 le installazioni di software SAP nel mondo. Con succursali in oltre 50 Paesi, la società è quotata su diversi listini, tra i quali la Borsa di Francoforte e il listino NYSE, con il simbolo “SAP”.
Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.sap.com/italy.

Contatti stampa

Elena Vitali, SAP
Tel. 039 6879.262 Fax 039 6899831
e-mail: elena.vitali@sap.com
www.sap.com/italy

 

Burson-Marsteller – Ufficio Stampa SAP
Gianfranco Mazzone – gianfranco_mazzone@it.bm.com
Fabiana Comiotto – fabiana_comiotto@it.bm.com
Tel. 02-72143575 – Fax 02-878960