SAP: “Fare rete” la ricetta per l’innovazione e la competitività del Mezzogiorno

27, Novembre, 2008 di SAP News

Una ricerca realizzata da SAP su oltre 90 medie aziende del Mezzogiorno evidenzia la necessità di aggregazione degli imprenditori del sud

MilanoPer le imprese del sud “fare rete” può rappresentare una strategia vincente a supporto del loro business, della crescita e dell’apertura a nuovi mercati, anche in un periodo incerto come quello che il sistema economico del nostro paese sta attraversando.

Questo è quanto emerso dall’indagine “L’impresa meridionale tra innovazione, apertura e crescita”, realizzata da SAP, leader mondiale nelle soluzioni software per il business, con il supporto di un grande esperto di politiche del mezzogiorno e di globalizzazione, il Prof. Massimo Lo Cicero, docente presso l’Università Tor Vergata di Roma.

Condotta su un campione di oltre 90 medie imprese delle regioni del sud, Sicilia, Basilicata, Puglia, Calabria e Campania, la ricerca mirava a far emergere comportamenti e atteggiamenti degli imprenditori rispetto ai temi dell’innovazione e della crescita.

In particolare, è stato riscontrato che l’imprenditore deve essere capace di instaurare relazioni con l’esterno da utilizzare per lo sviluppo, come espresso dal 64% degli imprenditori, poiché lo scopo primario dell’impresa è creare lavoro, benessere e crescita dell’economia e della società locale (59%), contribuendo attivamente, nell’opinione di oltre il 60% dei manager, a migliorare le condizioni del territorio in cui opera. Perseguire questo obiettivo ha, nell’opinione generale, le stesse opportunità anche nel Mezzogiorno, chi lavora bene ha successo tanto al nord quanto al sud ha dichiarato il 58%, sebbene, il 45% degli intervistati sia convinto che la realtà meridionale penalizzi i bravi imprenditori.

Il rapporto e la collaborazione con la società e il territorio sono determinanti per il successo e l’efficienza dell’organizzazione aziendale e l’imprenditore non può sottrarsi dall’intrattenere rapporti scambievoli ed “aperti” con il contesto esterno di riferimento, sia sul piano economico sia su quello istituzionale e sociale. Gli intervistati proiettano “positivamente” la necessità di “collaborazione” anche in futuro, (10 anni), esprimendo, nell’opinione di oltre il 30% degli imprenditori, che l’impresa, soprattutto nel segmento di quelle più grandi e più strutturate, entrerà a far parte di una rete di aziende, un network più ampio e più competitivo. Rimane pur sempre un atteggiamento improntato a “continuità e tradizione”, caratterizzato comunque da forti legami con il territorio e con la storia familiare e aziendale. Il fulcro del successo e dell’efficienza dell’organizzazione aziendale è infatti ancora saldamente incentrato sull’imprenditore e sulle sue risorse personali e manageriali e, infatti, è bene coordinare in prima persona tutte le funzioni/attività dell’impresa per il 20% degli intervistati, al punto che le conoscenze politiche sono inutili se non accompagnate da una buona capacità imprenditoriale (56%).

Sul tema dell’organizzazione, gli aspetti fondamentali emersi riguardano la capacità di coinvolgere i dipendenti nelle decisioni dell’azienda per il 41% e, soprattutto, l’attitudine dell’imprenditore a saper motivare e responsabilizzare i dipendenti e i collaboratori, che raggiunge un consenso pari al 90%.

Il consolidamento e la crescita dell’azienda, infine, devono poggiare sulla ricerca di nuovi mercati per il 67% degli imprenditori e sulla capacità dell’imprenditore di riuscire a sfruttare le opportunità delle nuove tecnologie ICT (52%), puntando su processi di innovazione basati, sostanzialmente, sull’acquisizione di ricerche e nuove professionalità, e sull’indispensabile formazione del personale interno, che per la maggioranza, il 58%, rappresenta un tassello fondamentale a supporto dello sviluppo.

“I dati emersi dalla ricerca confermano la necessità di aggregazione degli imprenditori del sud, che emerge chiaramente come un elemento sempre più strategico a supporto del loro business”, ha affermato Augusto Abbarchi, Amministratore Delegato di SAP Italia. “Anche in questo momento di difficoltà, esempi di ambiziosi percorsi di crescita ci arrivano proprio dal Mezzogiorno, un contesto economico e produttivo difficile, contraddistinto però da un’imprenditoria dinamica, determinata e aperta all’innovazione tecnologica, come ho potuto constatare personalmente nel corso degli incontri di SAP Mezzogiorno Mondo. Le eccellenze imprenditoriali del mezzogiorno sono infatti numerose ma sparse sul territorio e aiutare queste realtà a ‘fare rete’ è molto importante. Il sud è ricco di piccole imprese ma la dimensione aziendale non rappresenta un limite quando la vocazione a creare reti è molto spinta”, ha concluso Abbarchi.

La ricerca è inserita nel progetto SAP Mezzogiorno Mondo, che con un approccio collaborativo e virale e attraverso incontri relazionali e virtuali, ha coinvolto diversi attori del mezzogiorno, economisti, imprenditori, docenti universitari, con l’obiettivo di innescare un circolo virtuoso dell’innovazione e generare una rete estesa di manager “illuminati” in grado, non solo di innovare le loro imprese, ma di diventare catalizzatori di questa nuova cultura. I protagonisti dell’iniziativa continuano inoltre a dialogare e condividere opinioni, progetti e riflessioni all’interno di WikiSAP Mezzogiorno (http://www.wikisap.it/mezzogiorno), il business social network legato al progetto per promuovere la crescita e la competitività delle imprese del sud.

* * * * * * * *

SAP è leader mondiale nelle soluzioni software per il business(*) e fornisce applicazioni e servizi per supportare aziende di qualsiasi dimensione operanti in più di 25 differenti settori di mercato. Con oltre 76.000 aziende clienti in più di 120 Paesi (inclusi i clienti derivanti dall’acquisizione di Business Objects), la società è quotata su diversi listini, tra i quali la Borsa di Francoforte e il listino NYSE, con il simbolo "SAP".

(Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.sap.com/italy)

(*) Con il termine “soluzioni software per il business” SAP intende soluzioni di enterprise resource planning e relative applicazioni.

Contatti stampa

Elena Vitali, SAP
Tel. 039 6879.262 Fax 039 6899831
e-mail: elena.vitali@sap.com
www.sap.com/italy

Burson-Marsteller – Ufficio Stampa SAP
Gianfranco Mazzone – gianfranco_mazzone@bm.com
Valeria Redaelli –
valeria.redaelli@bm.com<!–Fabiana Comiotto fabiana_comiotto@bm.com–>
Tel. 02-72143595 – Fax 02-878960

Tags: