Il potere del digitale nel settore delle utilities

Il settore delle utilities riguarda ogni persona, ogni casa e ogni azienda. Fornisce servizi di generazione, trasmissione e misurazione di energia e acqua, di smaltimento dei rifiuti e di riciclo. È considerato un settore fondamentale della vita moderna e da molti è ritenuto a rischio, poiché il modo in cui i consumatori percepiscono e consumano le risorse sta cambiando. Certamente il settore ha molto da guadagnare dalle attuali tecnologie digitali emergenti.

Oggi sono tre le macroforze che lo influenzano: decentralizzazione, deregolazione e decarbonizzazione. La decentralizzazione comporta un cambiamento dei modi e dei luoghi in cui l’energia viene consumata. Non più esclusivo dominio dei gestori della rete elettrica, l’energia viene adesso prodotta sempre di più sia dalle aziende che dalle case che sfruttano le tecnologie solare, eolica e le batterie. La maggior parte dei clienti che producono la loro energia sono ancora allacciati alla rete elettrica e in effetti, molti di loro, rivendono l’energia in eccedenza alla società locale di utilities generando una dinamica di mercato per cui i clienti sono diventati fornitori. E se da un lato questo permette alle società di utilities di gestire meglio il flusso di domanda e offerta, in particolare durante i periodi di picco della domanda, dall’altro complica in modo considerevole la struttura della supply chain.

La deregolazione del settore ha visto le autorità di vigilanza aprire le porte alla nuova concorrenza e i rivenditori di energia elettrica (che utilizzano i sistemi di trasmissione della società di utilities) sono diventati un’alternativa alle società tradizionali di gas o energia elettrica. La deregolazione del settore consente inoltre alle aziende non utility di entrare nelle case, come si vede dal rapido aumento dei prodotti e delle società di monitoraggio on-premise e di controllo. Queste aziende, tipo Amazon (Nest), offrono ai consumatori modi nuovi di gestire l’uso di energia. Nel corso del processo, hanno inoltre la possibilità di gestire direttamente il rapporto con i clienti, con la società di utility che finisce per essere considerata come materia prima mentre loro forniscono il valore aggiunto che i consumatori odierni cercano.

La decarbonizzazione sta invece cambiando il panorama delle utilities: i clienti spingono sempre più nella direzione delle alternative al carbone (ad es. energia solare, eolica, idrica) incrementando la domanda di risparmi energetici e dell’utilizzo di risorse rinnovabili.

Le sfide per una società di utilities

Queste tre macroforze pongono una serie di sfide ai fornitori di utilities che sempre più spesso si stanno chiedendo:

  • Come sostenere e anche incoraggiare i consumatori nella generazione intelligente di energia mantenendo, tuttavia, la gestione del rapporto (o della partnership)?
  • Come promuovere l’utilizzo del controllo intelligente della rete domestica e dei dispositivi di misurazione che aggiungono valore sia per il consumatore (minor consumo di energia) che per la società di utilities (migliore gestione del carico)?
  • Come offrire energia pulita e programmi di risparmio tramite l’utilizzo di sensori e asset intelligenti?
  • Come far evolvere i loro business, servizi e processi operativi per sopravvivere in un mondo in cui i consumatori richiedono un consumo energetico più efficiente e a prezzi inferiori?

I fornitori di utilities si domandano anche come attirare e trattenere i talenti necessari per affrontare e risolvere tutti questi problemi.

La soluzione è digitale

Le risposte a queste domande si possono trovare grazie a un’applicazione corretta delle tecnologie digitali, una volontà di ripensare la gestione operativa dell’azienda e i modelli di guadagno, e attraverso strumenti adatti a catturare, analizzare e rendere utilizzabile l’enorme quantità di dati che le società di utilities hanno a disposizione.

Con il giusto digital core, il cloud può divenire una piattaforma sicura e onnipresente per l’archiviazione dei dati e un sistema comune di archiviazione per la società, i suoi partner e i suoi clienti. È possibile raccogliere dati dall’infrastruttura operativa, dai partner della supply chain, dai dipendenti e dai clienti attraverso i sensori Internet of Things (IoT) per comprendere e gestire al meglio la generazione, la distribuzione e il consumo. L’analisi predittiva e l’apprendimento automatico possono fornire insight sulla gestione operativa e sulla manutenzione mentre si possono sfruttare le tecnologie emergenti come la blockchain per registrare e tracciare le transazioni nella supply chain e nell’apparecchiatura di utenza.

Il vantaggio è che il digitale offre la capacità di promuovere l’innovazione, sviluppare nuove opportunità di guadagno e affrontare le sfide poste oggi al settore delle utilities.

Scarica subito il white paper “La trasformazione digitale nel settore delle utilities” per avere un quadro ancor più dettagliato dell’importanza dell’innovazione e della digitalizzazione in questo settore estremamente dinamico. E per scoprire come SAP Leonardo può contribuire alla progressiva digitalizzazione della tua azienda.